Sogno di una notte di mezza estate: allievi in scena!

Teatro-gratis-trieste-shakespeare

 

Siamo entusiasti di annunciare che i nostri allievi del corso “esperti” del giovedì sera metteranno in scena lo spettacolo che fu il loro saggio di fine anno presso il

ricreatorio Pitteri
in via San Marco 5 (angolo via Vespucci)
nel rione San Giacomo di Trieste
il giorno 18 giugno (giovedì) alle ore 20.30

Dopo essere stato tanto applauditi da parenti e amici nelle due repliche del loro saggio di fine corso, il gruppo degli adulti del corso del giovedì ha modo di proporre anche a un pubblico più ampio questo spettacolo, un adattamento del Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare.

Siamo felicissimi di potervi invitare a questo evento – a ingresso libero – e speriamo che veniate numerosi ad applaudire i nostri bravi allievi.

Vi aspettiamo!



Giornata per le vittime dell’amianto: in scena al Volta

In occasione della decima Giornata Mondiale per le vittime dell’amianto, che cade il 28 aprile, Giustina metterà in scena Amianto senza confini, lo spettacolo di Sabrina Morena prodotto in collaborazione con EARA, davanti agli allievi dell’ITS Alessandro Volta.

Giornata-vittime-amianto-Trieste

La rappresentazione è inserita all’interno di un programma di carattere sia commemorativo che divulgativo realizzato anche con la collaborazione dell’Azienda di Servizi Sanitari n.1 di Trieste, e prevede, oltre allo spettacolo, il seminario didattico Amianto, una questione irrisolta, la lectio magistralis dell’Ing. Simoni dell’ASS1 relativa a sicurezza sul lavoro e bonifica dei siti contaminati, e la possibilità per gli allievi di rivolgere domande a esperti e testimoni intervenuti.

Per ulteriori dettagli sull’iniziativa, è possibile visitare l’articolo ad essa relativo pubblicato sul sito della ASS1 Triestina e, naturalmente, maggiori informazioni sui pericoli dell’amianto sono disponibili sul sito dell’EARA



Debutta il 1° marzo a Muggia Povera signora!

Sabato 1° marzo la compagnia Teatrobàndus torna sul palco del teatro Verdi di Muggia (Trieste) con un nuovo, libero adattamento de La buonanima della suocera (o La fu madre della signora, Feu la mère de Madame) di Georges Feydeau.

Già in passato avevamo portato in scena un adattamento di questo divertente atto unico; eccone un assaggio

Oggi lo riproponiamo, sempre per la regia di Giorgio Amodeo, in un adattamento ancora più frizzante.

Povera signora!, questo il titolo della pièce, debutta al teatro Verdi di Muggia domenica 1° marzo, alle 17.00.

 

 



Giustina intervistata su Parole all’amo

Giustina-Testa-Parole-all-amo-teatro-trieste

Lo scorso dicembre, il nostro nuovo spettacolo per bambini, Parole all’amo, ha debuttato nel teatro di Roiano.

Fra gli spettatori, c’era anche una redattrice di FucineMute.it, un periodico on-line di approfondimento che ha sede a Trieste, ma che pubblica contributi da ogni dove su temi prettamente umanistici (“FucineMute” è, infatti, l’acronimo di Fumetti, cinema, Musica, teatro).

Read More



Recensione positiva per la prima rappresentazione di Anime Inquiete a Trieste

Anime-Inquiete-Trieste-Recensione

Mercoledì 17 abbiamo rappresentato per la prima volta nello storico caffè San Marco di Trieste – dove peraltro è ambientata – la nuova pièce di Sabrina Morena Anime inquiete a Trieste.

Pochi giorni fa è uscita sul periodico di approfondimento on-line FucineMute.it la prima recensione.

Read More

Anime inquiete a Trieste

Mercoledì 17 dicembre 2014
Caffè San Marco
Ore 21.00

All’interno del progetto La volete questa guerra?

ANIME INQUIETE A TRIESTE

di Sabrina Morena

Liberamente tratto dagli scritti di Scipio Slataper, Elody Oblath, Giani Stuparich, Bertha von Suttner.

Produzione: TeatroBandus, Trieste; Compagnia di Arti & Mestieri, Pordenone; Amici della Musica, Udine

Con Julian Sgherla, Giustina Testa, Riccardo Beltrame, Bruna Braidotti e Isaura Argese.
Musiche Acht Stucke di Paul Hindemith
Al flauto Tommaso Bisiak
Costumi con la consulenza di Igor Pahor

Regia Sabrina Morena

Si ringraziano: Teatro Stabile Sloveno/Slovensko Stalno Gledališče, Ass. L’Armonia, Giulia Zuccheri.


Il Caffè San Marco, aperto nel 1914, è il ritrovo dei giovani irredentisti triestini che si interrogano sul destino della città nell’Impero Austro-Ungarico attraversato dai risvegli nazionali.

Tre giovani scrittori e amici, Scipio Slataper, Giani Stuparich e Elody Oblath, discutono al Caffè degli eventi storici che si susseguono: l’Austria dichiara guerra alla Serbia, a cui segue lo scoppio del conflitto fra Germania, Francia, Russia, Inghilterra, mentre l’Italia si dichiara neutrale.

Read More