Anime inquiete a Trieste

 

Teatrobandus-Anime-inquiete-Trieste

Anime inquiete a Trieste

Spettacolo liberamente tratto dagli scritti di Scipio Slataper, Elody Oblath, Giani Stuparich, Bertha von Suttner.

Regia di Sabrina Morena

Con: Julian Sgherla, Giustina Testa, Riccardo Beltrame, Bruna Braidotti e Isaura Argese.
Al flauto: Tommaso Bisiak
Genere:
 Storico
Lingua: Italiano
Durata: 90 minuti
Produzione: TeatroBàndus, Trieste; Compagnia di Arti & Mestieri, Pordenone; Amici della Musica, Udine
Musiche: Acht Stucke di Paul Hindemith
Costumi: realizzati con la consulenza di Igor Pahor

Si ringraziano: Teatro Stabile Sloveno/Slovensko Stalno Gledališče, Ass. L’Armonia, Giulia Zuccheri.

Anime inquiete a Trieste
Ambientato e già più volte messo in scena al Caffè San Marco di Trieste, lo spettacolo descrive il periodo immediatamente precedente la Prima Guerra mondiale, narrandolo attraverso gli scritti di tre giovani intellettuali irredentisti triestini, preoccupati per le tensioni all’interno dell’Impero Austro-Ungarico e per il destino della città.

Scipio Slataper, Giani Stuparich ed Elody Oblath, discutono ai tavolini del Caffè il precipitare degli eventi storici, finché la guerra, con le sue tragiche conseguenze, non li coinvolge direttamente.

Realizzato inizialmente all’interno del progetto “La volete questa guerra”, lo spettacolo ripercorre i fatti storici e i sentimenti che animavano la società triestina all’inizio del Novecento, ricostruendoli grazie all’opera letteraria delle figure portate in scena.

Anime inquiete a Trieste è stato messo in scena più volte al Caffè San Marco di Trieste, in cui è ambientato, con l’interessante formula di far muovere gli attori come avventori, in mezzo al proprio pubblico, e in altri spazi e teatri della regione, anche con allestimenti convenzionali, ricevendo sempre un’accoglienza positiva.

Una recensione della prima rappresentazione dello spettacolo è stata anche pubblicata on-line, qui.

Anime-Inquiete-a-Trieste-teatrobandus